3 Giorni immersi nella lussureggiante natura che solo un territorio attento alle proprie ricchezze può offrire, tra corsi d'acque sorgive, alberi mastodontici e secolari, Gole basaltiche dalla straordinaria bellezza.

1° Giorno: Riserva Naturale Orientata Fiumefreddo

Partenza per la Riserva Naturale Orientata di Fiumefreddo. Il Fiumefreddo è un corso d'acqua con due rami e di breve estensione. Le sue acque presentano una temperatura abbastanza bassa, anche d'estate ( 12-13°C) essendo acque di sorgiva, provenienti da falde acquifere del versante orientale etneo, che emergono in delle conche naturali chiamate quadare in dialetto siciliano. Attorno alle sorgenti e lungo il corso del fiume si sviluppa una sovrabbondante vegetazione, anche acquatica, che costituisce un elemento di elevato valore naturalistico e paesaggistico. Esempi ne sono il ranuncolo pennello, la cui presenza, in tutta la Sicilia si registra solo qui e nel basso corso dell'Alcantara; ed il papiro che cresce sui bordi delle quadare. Nell'area esiste anche un boschetto di noce americana

2° Giorno: 'Il Bosco' di Aci /S. Alfio

Partenza per il Bosco dello Scacchiere. Nella fascia pedemontana etnea si estendevano un tempo ampie superfici boscate chiamate con il nome della località in cui si trovavano. Quello di Aci occupava una superficie di circa 20-30 km fino alla costa ionica ad est di Acireale. Dell'originario Bosco di Aci, oggi, rimangono piccole parti isolate la più estesa delle quali è il Bosco dello Scacchiere , nei pressi di Pisano, frazione di Zafferana Etnea.

Partenza alla volta del Castagno dei Cento Cavalli. Albero maestoso con i suoi 28 mt. di altezza, la sua fama fu diffusa dai viaggiatori stranieri del sec. XVIII, ed è legata ad una leggenda. Si racconta che la Regina Giovanna D'Aragona vi si rifugiò, con al seguito 100 cavalieri, durante un temporale. La stagione migliore per ammirarlo è la tarda primavera quando è ricoperto dalla zagara profumata.

A poche centinaia di metri si trova un altro albero secolare, detto Castagno della Nave, avente una circonferenza di 25 mt. ed una altezza di 15 mt.


3° Giorno: Le Gole di Basalto

Partenza per la visita guidata alle Gole dell'Alcantara.

L'Alcantara, scorrendo tra le numerose colate laviche ha dato vita a vere e proprie opere basaltiche, dalle forme più svariate. L'incontro tra acqua e roccia creano affascinanti giochi di luci e colori. Inoltre una fitta trama di sentieri all'interno del "Parco Botanico e Geologico", consentirà di scoprire luoghi di particolare bellezza e fascino.